Con Vini Ad Arte 2024 la Romagna conferma la sua grande qualità | Consorzio Vini di Romagna
Con Vini Ad Arte 2024 la Romagna conferma la sua grande qualità  | Consorzio Vini di Romagna
maggio 2024 | Vino

Con Vini Ad Arte 2024 la Romagna conferma la sua grande qualità

La diciannovesima edizione di Vini Ad Arte dimostra il grande lavoro del Consorzio Vini di Romagna: le eccellenze del territorio diventano protagoniste della curiosità internazionale

Si è concluso da poco Vini Ad Arte, l’evento divenuto ormai un riferimento per il vino della Romagna, che ha visto la partecipazione di professionisti della stampa nazionale ed internazionale, in un tour alla scoperta delle principali denominazioni DOC e DOCG. Nei giorni dal 12 al 14 maggio, un parterre di giornalisti provenienti da 10 Paesi diversi del mondo, ha avuto l'opportunità di approfondire il racconto enologico della Romagna con seminari, masterclass e degustazioni dedicate.

La meravigliosa cornice di Villa Abbondanzi a Faenza ha ospitato, nella giornata conclusiva del 14 maggio, la degustazione tecnica delle anteprime. Con 50 aziende partecipanti e 140 referenze presentate, si è fornito a un parterre di 30 giornalisti il quadro identitario della produzione enologica del ricco territorio romagnolo.

Queste le parole del Presidente, Roberto Monti: “Non siamo soliti a facili entusiasmi, ma rileviamo con viva soddisfazione che la XIX edizione di Vini ad Arte 2024 ha convinto tutti, produttori e giornalisti. Il format aggiornato, ricco di contenuti - condivisi in lingua inglese da un formatore nazionale AIS di grande livello - ha contribuito a generare notevole interesse sui nostri territori, vitigni e vini. L’assaggio dei 140 vini tra Romagna Sangiovese e Albana serviti nell’Anteprima - ha concluso il Presidente - è stato vissuto con le giuste premesse, motivo per il quale attendiamo fiduciosi le recensioni dei giornalisti sull’evento ma soprattutto sul valore delle annate in degustazione. Ancora una volta, emerge per i produttori l’importanza di poter presentare insieme i propri vini che entrano in commercio, nell'unico annuale evento romagnolo dedicato alla stampa”.